Tè verde

Una tazza di tè verde

Le origini del Tè verde hanno luogo in Cina. Si narra che questa pianta spontanea venne scoperta dall’imperatore cinese Shen Nung che, un giorno, mentre era seduto sotto ad un albero, aggiunse alcune foglie della pianta all’acqua che stava bevendo.

L’imperatore, incuriosito, assaggiò quell’acqua e ne fu positivamente colpito dall’ottimo sapore euforizzante.

Ulteriori leggende, narrano che un monaco indiano Bodhidharma, per non addormentarsi, si strappò le palpebre e le gettò a terra. In quel medesimo posto spuntò, poi, un albero dalle foglie verdi.

Questo porterebbe a pensare che la pianta è nata in Cina ma, fonti autorevoli, fanno risalire le origini del tè in India. Difficile quindi essere certi delle sue origini, si può però affermare che, la cultura del Tè avvenne centinaia di anni fa in Cina, protraendosi poi in Giappone fino ad arrivare all’Occidente, dove, tutt’ora è molto diffuso il suo consumo. Al principio, il tè verde, veniva preparato in recipienti simili a delle bottiglie. Soltanto molti secoli dopo venne inventata la teiera.

Benefici del Tè verde

Il Tè verde viene ricavato dai germogli delle foglie della pianta camellia sinensis. Da oltre 4000 anni le foglie di questa pianta vengono adoperate per combattere molti disturbi tra i quali: febbre, emicrania e vari tipi di dolori.

Molti dei composti bioattivi contenuti nelle foglie arrivano fino alla bevanda finale, come flavonoidi e catechine, due potenti antiossidanti. Queste sostanze riducono la formazione dei radicali liberi, proteggendo i tessuti dallo stress ossidativo e dal processo d’invecchiamento.

In particolare il tè verde contiene l’EGCG (epigallocatechina gallato) (EGCG), che sembrerebbe essere il segreto delle proprietà benefiche di questa bevanda.

Prevenzione anticancro

Gli antiossidanti contenuti nel tè verde potrebbero diminuire il rischio del cancro. È risaputo che il danno ossidativo contribuisce allo sviluppo di tumori e che gli antiossidanti possono fornire una certa protezione 1.

Ci sono diverse evidenze scientifiche sul ruolo del tè verde nella prevenzione del cancro, in particolare:

  • Cancro al seno, una serie di studi osservazionali ha evidenziato che le donne che consumano abitualmente il tè verde hanno un rischio inferiore del 22% di sviluppare il cancro al seno 2
  • Cancro alla prostata, una ricerca scientifica ha mostrato come gli uomini che bevono il tè verde possono avere un’incidenza di cancro alla prostata inferiore del 48% 3
  • Cancro al colon, un’altra ricerca, effettuata su ben 69.710 donne cinesi, suggerisce che il consumo di tè verde diminuisca fino al 57% il rischio di cancro al colon 4

Miglioramento della funzione cognitiva

I benefici del tè verde abbracciano anche il sistema nervoso, grazie al suo contenuto di caffeina. Certamente i quantitativi sono inferiori rispetto ad una tazzina di caffè, ma abbastanza per attivare l’effetto stimolante, senza effetti collaterali associati.

La caffeina agisce inibendo un neurotrasmettitore chiamato adenosina, aumentando la concentrazione di dopamina e noradrenalina, migliorando le funzioni cerebrali, l’umore, i tempi di reazione e la memoria.

Inoltre, il tè verde contiene anche la teanina, un aminoacido in grado di superare la barriera emato-encefalica e aumentare l’attività del GABA, un neurotrasmettitore con effetti anti-ansia. Le ricerche scientifiche suggeriscono che caffeina e teanina svolgono un’azione sinergica particolarmente efficace nel migliorare la funzione celebrale 5.

Azione anti-neurodegenerativa

Due anziani bevono tèI composti bioattivi nel tè verde potrebbero avere degli effetti protettivi sui neuroni, riducendo il rischio dei morbi di Alzheimer e Parkinson, le due più comuni patologie neurodegenerative.

Al momento gli studi effettuati sono stati condotti in vitro e su cavie animali, ma potenzialmente le catechine del tè potrebbero fornire una sorta di protezione al cervello, anche in età avanzata ( 6, 7).

Effetto dimagrante

L’estratto di tè verde è spesso utilizzato come integratore nella dieta ipocalorica. Questo perché ci sono molti studi scientifici che mettono in risalto la sua azione dimagrante. Ad esempio può migliorare l’ossidazione dei grassi( 8, 9) e aumentare il tasso metabolico( 10, 11).

Ci sono però ricerche in cui non si è riscontrato nessun miglioramento sul metabolismo, il che suggerisce che gli effetti possono dipendere da altri fattori 12.

Azione antibatterica

Ragazza con tazza di tèLe catechine nel tè verde possono inibire la proliferazione di batteri e di alcuni virus. Questo si traduce in un minor rischio di infezioni, miglioramenti nella salute dentale, un minor rischio di carie e riduzione dell’alitosi 13.

Alcuni studi suggeriscono che le catechine possono neutralizzare i batteri e inibire il virus dell’influenza 14.

Per quanto riguarda la salute del cavo orale, il tè verde può ostacolare lo Streptococcus mutans, il batterio dominante nella bocca umana, che provoca la formazione della placca e contribuisce all’insorgere della carie 15.

La cerimonia del Tè è arte e cultura in Cina

Dapprima, questa bevanda, veniva usata solo a scopi terapeutici, fu solo durante la dinastia Tang che venne considerata una bevanda rilassante, ne svilupparono quindi uno stile di preparazione che dai noi è nota come Cerimonia del tè. Il tè usato per questa cerimonia è il matcha (tè verde giapponese le cui foglie vengono cotte, asciugate e tritate finemente).

Per far sì che tale cerimonia si concluda bene, i partecipanti, devono avere degli stati d’animo idonei ovvero: armonia, rispetto e purezza.

Consigli d’uso

Di tè verdi ne esistono molti tipi raggruppati in due categorie: tè verde cinese che è un tè prevalentemente fresco e profumato, e il tè verde giapponese dal gusto erbaceo. Per preparare un buon tè verde non ci sono particolari raccomandazioni :

  1. Inserire, nell’infusore, 1 cucchiaino per ogni persona e metterlo poi nella tazza
  2. Bollire l’acqua finché appaiono le prime bollicine senza portarla a ebollizione
  3. Lasciare il tè in infusione nell’acqua versata almeno 3 minuti, dopodiché bisogna filtrarlo e solo dopo potrà essere servito

Controindicazioni del tè verde

Anche se il Tè verde è una bevanda dagli svariati effetti positivi, bisogna comunque stare attenti perché anch’esso può avere effetti collaterali.

Il tè verde ha un alto contenuto di caffeina, ragion per cui può provocare nervosismo, ansia e difficoltà a dormire.

È sconsigliato l’uso elevato di tè verde a persone ipertese per il suo elevato contenuto di teina e caffeina.

È oltremodo sconsigliato il suo utilizzo insieme a medicinali diuretici.

Riferimenti esterni

  1. Oxidative Damage and Cancer
  2. Green tea, black tea and breast cancer risk: a meta-analysis of epidemiological studies
  3. Green Tea Consumption and Prostate Cancer Risk in Japanese Men: A Prospective Study
  4. Prospective cohort study of green tea consumption and colorectal cancer risk in women
  5. L-Theanine and Caffeine in Combination Affect Human Cognition as Evidenced by Oscillatory alpha-Band Activity and Attention Task Performance
  6. Neurological mechanisms of green tea polyphenols in Alzheimer’s and Parkinson’s diseases
  7. Potential Therapeutic Properties of Green Tea Polyphenols in Parkinson’s Disease
  8. Green tea extract ingestion, fat oxidation, and glucose tolerance in healthy humans
  9. Effects of encapsulated green tea and Guarana extracts containing a mixture of epigallocatechin-3-gallate and caffeine on 24 h energy expenditure and fat oxidation in men
  10. Obesity and thermogenesis related to the consumption of caffeine, ephedrine, capsaicin, and green tea
  11. Efficacy of a green tea extract rich in catechin polyphenols and caffeine in increasing 24-h energy expenditure and fat oxidation in humans
  12. Effect of moderate intakes of different tea catechins and caffeine on acute measures of energy metabolism under sedentary conditions
  13. Effect of tea catechins for halitosis and their application to chewing gum
  14. Anti-influenza virus activity of green tea by-products in vitro and efficacy against influenza virus infection in chickens
  15. Combination effects of antibacterial compounds in green tea flavor against Streptococcus mutans